Patenti
 

Conseguimento della patente di guida (C, D ed E)

Età minime necessarie:

18 anni per il conseguimento della patente di categoria C1, C1E e BE
21 anni per il conseguimento della patente di categoria C e CE, D1 e D1E
24 anni per il conseguimento della patente di categoria D e DE

  • Modello TT 2112 compilato e sottoscritto secondo le avvertenze in esso contenute;
  • Fotocopia completa della patente di guida posseduta;
  • Attestazione del versamento di € 16,00 sul c/c 4028;
  • Attestazione del versamento di € 16,00 sul c/c 4028;
  • Attestazione del versamento di € 26,40 sul c/c 9001;
  • 2 foto recenti formato tessera su fondo bianco ed a capo scoperto, su carta non termica;
  • Certificato medico in bollo (e relativa fotocopia), con fotografia, la cui data non sia anteriore a 3 (tre) mesi, rilasciato da un medico di cui all’art. 119 del Codice della Strada (vedi elenco riportato in basso).

Per i cittadini extracomunitari é richiesta l’esibizione del permesso di soggiorno o carta di soggiorno in corso di validità. Tale documento dovrà essere esibito in originale anche in occasione dell’esame di teoria e di guida.

N.B. Il certificato medico per il conseguimento delle patenti categoria C, D, BE, CE, DE deve riportare, tra gli altri requisiti fisici, i tempi di reazione agli stimoli semplici e complessi.

In occasione della prove d’esame, sia teoriche che pratiche, si deve esibire la patente posseduta non scaduta di validità;

In caso di esito negativo della prova pratica, qualora questa non possa essere più effettuata con lo stesso "foglio rosa", l’ultima attestazione del versamento ed il certificato medico (se ancora in corso di validità) saranno restituiti al candidato per essere riutilizzati per successive richieste.

Elenco dei soggetti abilitati alla verifica dell’esistenza dei requisiti psicofisici per la guida di veicoli a motore:

• Medici dipendenti delle unità sanitarie locali;
• Medico appartenente ai ruoli del Ministero della salute;
• Medico appartenente al ruolo sanitario della Polizia di Stato;
• Medico appartenente al ruolo sanitario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco;
• Medico militare in servizio permanente effettivo,
• Ispettore medico delle Ferrovie dello Stato;
• Ispettore medico del ministero del lavoro e delle politiche sociali.